IMBALLAGGIO TAKE AWAY E SIGLE
Ottobre 21, 2019
FESTIVAL DELLA CUCINA VENETA
Novembre 17, 2019

Legge di bilancio 2020: tassa sulla plastica monouso e incentivi sulla plastica biodegradabile.

La Legge di bilancio 2020, istituisce una imposta sul consumo dei Manufatti Con Singolo Impiego (MACSI) che

  • hanno o sono destinati ad avere funzione di contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o prodotti alimentari.
  • in forma di fogli, pellicole o strisce, sono realizzati con l’impiego anche parziale di materie plastiche, sono costituite da polimeri organici di origine sintetica
  • non sono ideati, progettati o immessi sul mercato per compiere più trasferimenti durante il loro ciclo di vita o per essere riutilizzati per lo stesso scopo per il quale sono ideati.

La norma chiarisce subito che l’imposta non è dovuta sui MACSI compostabili.

Il soggetto passivo dell’imposta è:

  • il fabbricante per i manufatti realizzati sul territorio nazionale;
  • il soggetto che acquista i MACSI nell’esercizio della propria attività economica ovvero il cedente qualora i MACSI siano acquistati da un consumatore privato per i manufatti provenienti da altri Paesi dell’Unione europea;
  • l’importatore per i manufatti provenienti da paesi terzi.

L’ammontare dell’imposta sul consumo è pari ad 1 euro per chilogrammo di materia plastica contenuta nei MACSI.

La disposizione infatti prevede per le imprese produttrici di MACSI, un credito di imposta nella misura del 10% delle spese sostenute nell’anno 2020 per l’adeguamento tecnologico finalizzato alla produzione di manufatti biodegradabili e compostabili. Il credito d’imposta

  • ha un importo massimo di 20.000 euro per ciascun beneficiario e può essere concesso entro il limite complessivo di 30 mln di euro per l’anno 2021.
  • deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel corso del quale interviene il provvedimento di concessione e in quelle relative ai periodi d’imposta successivi fino a quando se ne conclude l’utilizzo.
  • non applica i limiti annuali di utilizzo di 250.000 euro e il limite massimo dei crediti d’imposta e dei contributi compensabili.